Bauli

Bauli: miglioramento della redditività aziendale tutelando la salute dei lavoratori

“Nell’intero processo svolto, EVIMED si è mostrata organizzata e pronta...non solo alla risoluzione dei problemi, ma ad accompagnare Bauli nella ricerca dell’eccellenza, suggerendo la realizzazione di determinati progetti in ottica di tutela della salute, come l’organizzazione di specifici corsi, effettuati da psicoterapeuti, per combattere la dipendenza dal fumo di sigaretta o dall’uso degli alcolici. Progetto che Bauli ed EVIMED stanno programmando di realizzare nel prossimo autunno, inizialmente per il personale operante presso il sito di San Martino e successivamente allargato a tutti i dipendenti dei rimanenti tre stabilimenti”.

MAURO LIPPI (Resp. del coordinamento delle Attività Sicurezza e Ambiente - Bauli S.p.A.)

Per Bauli il concetto di diffusione della cultura della sicurezza significa investire anche nella prevenzione “soggettiva”, che si basa sull’informazione e la formazione di tutti gli operatori. Per formazione si intende non soltanto quella realizzata in modo istituzionale, ma anche quella condotta in modo costante e puntuale, attraverso una serie di riunioni mensili di sicurezza e di fabbrica.

Riunioni di sicurezza: alla riunione mensile di sicurezza partecipano le persone coinvolte nella gestione della sicurezza. Nell’ambito della riunione vengono:

  • analizzati gli infortuni e le loro cause;
  • approfondite le applicazioni sulle norme di sicurezza;
  • sviluppati piani di formazione e miglioramento.

Riunioni di fabbrica: Alle riunioni mensili di fabbrica, estese a circa 90 persone, compresi i preposti e si affrontano le tematiche relative a:

  • infortuni occorsi nel mese;
  • interventi di sistemazione;
  • sviluppo con l’ausilio di audiovisivi specifici argomenti.

Vantaggi ottenuti

Le attività sopra descritte hanno permesso all’azienda di ottenere una significativa riduzione sia del numero degli infortuni che degli indici di frequenza, gravità e tasso incidenza. In particolare:

  • Anno 2000 (solo stabilimento CDA): 1 infortunio ogni 7.000 ore lavorate;
  • Anno 2011 (tutti gli stabilimenti): 1 infortunio ogni 57.850 ore lavorate.

Inoltre, dal 1997 ad oggi abbiamo ottenuto una riduzione di circa il 35% del tasso INAIL relativo al premio di assicurazione.